Venice Classic Radio sta trasmettendo: {Programma}
{NP/Info/Artista}
{NP/Info/Titolo}
{NP/Info/Interpreti}
Premi il pulsante per ascoltare Venice Classic Radio Premi il pulsante per conoscere le ultime 5 tracce trasmesse Premi il pulsante per vedere i programmi di Venice Classic Radio Premi il pulsante se hai bisogno di aiuto Go to the English version

La riscoperta di Giovanni Sgambati: con Amadeus in edicola a marzo 2015

“Una Sinfonia bella, godibile, complessa ma con un’orchestrazione leggera. In fondo, proprio come era lui: tedesco nell’animo, ma con una voglia di italianità. Scriveva melodie che sono quasi stornelli. Così il direttore d’orchestra e musicologo Francesco Attardi, siciliano e milanese d’adozione, parla della Seconda sinfonia di Giovanni Sgambati, il brano che ha ricostruito per le Edizioni Suvini Zerboni (2014) e ora propone nel CD Amadeus di questo mese, insieme al Concerto per pianoforte. Come spiega lo stesso Attardi in una interessante intervista pubblicata da Amadeus, la figura di Sgambati è rivoluzionaria perché nell’Italia del secondo Ottocento scrivere sinfonie significava trascendere il melodramma. E Sgambati, pur non essendo il solo a scrivere sinfonie nell’Italia di allora, ebbe come riferimento il romanticismo di Franz Liszt e non il teatro musicale. Tutto mentre Giuseppe Verdi affermava che l’arte nostra non è l’istromentale. E infatti Liszt lo considerò quasi come un figlio. In pochi anni gli insegna tutto: prima a comporre, poi a guidare un’orchestra. Ed è grazie alla spinta di Liszt che Sgambati dirige per la prima volta a Roma le Sinfonie di Beethoven nel 1867, quando ancora non si conoscevano. Inoltre Richard Wagner lo raccomanda a uno degli editori pià potenti dell’epoca, il tedesco Schott (puntualizzando che a Roma era sprecato). E la stima gli giunge anche da Edvard Grieg e Henrik Ibsen (i due norvegesi si conobbero proprio a casa sua), oltre che dal giovane Richard Strauss e da Gabriele D’Annunzio. Un vero cenacolo artistico, quello di casa Sgambati, che divenne una figura centrale nel panorama tardoromantico italiano. La musica di Sgambati è proposta in una registrazione dal vivo con l'Orchestra Verdi all'Auditorium di Milano ed è impreziosita da una delle pianiste più interessanti e vivaci del panorama contemporaneo come la croata Martina Filjak.

Alfonso Baschiera e Marco Nicolè sono i chitarristi protagonisti delle Opere per due chitarre di Ferdinando Carulli. Entrambi nati a Venezia e cresciuti musicalmente al conservatorio Benedetto Marcello, coltivano da sempre la passione per la chitarra che li ha guidati nello studio degli strumenti originali e nella valorizzazione di autori in parte inesplorati come lo stesso Carulli. Il CD è scaricabile in formato wav o mp3 dal sito di Amadeus mediante un codice pubblicato nella rivista.

In questo numero

CD in allegato:
Giovanni Sgambati (1841-1914)
Sinfonia in mi bemolle No.2
Concerto per pianoforte e orchestra Op.15
Interprete: Martina Filjak, pianoforte - Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi di Milano - Francesco Attardi, direttore

CD in download digitale:
Ferdinando Carulli (1770-1841)
Opere per due chitarre
Interpreti: Alfonso Boschiera, Marco Nicolè, chitarre

Articoli:
Giovanni Sgambati: una nuova Italia
Per riconsiderare e comprendere l’opera del pianista e compositore romano dagli occhi belli che incantò Liszt e Wagner è necessario un cambio di prospettiva. Uno sguardo più vasto sulla sua vita e il suo mondo
di: Antonio Rostagno

Attardi - Filjak: pezzi unici
Un direttore e musicologo italiano, una brillante pianista croata e l’avventura della riscoperta di un grande protagonista del nostro '800 strumentale
di: Luigi di Fronzo

La Verdi: fare sistema
Concerti, attività, pubblico, biglietti, soci, formazioni: grandi numeri quelli dell’orchestra lombarda, realtà milanese ma internazionale. Eppure i conti (pubblici) ancora non tornano
di: Edoardo Tomaselli

Baschiera-Nicolè: sei per due
Una coppia di chitarristi per Carulli. Dagli anni della formazione al loro incontro, genesi della prima incisione assoluta di tre Sonate che ricordano Haydn
di: Claudia Abbiati

Pierre Boulez: immaginazione radioattiva
Compositore, direttore, docente, organizzatore: il 25 marzo compie 90 anni uno degli uomini più influenti per la musica del nostro tempo. Un 'rivoluzionario' divenuto un'istituzione
di: Gianluigi Mattietti

Vive la banlieue
Alla periferia di Parigi si è inaugurato (tra le polemiche) il nuovo auditorium del Parc de la Villette. L'abbiamo visitato con una guida d'eccezione il suo direttore Laurent Bayle
di: Guy Cherqui

Jessica Pratt: vorrei toccarvi
Australiana ma italiana d’adozione, studi con Renata Scotto e Lella Cuberli, è il soprano belcantista del momento. Incanta e commuove il pubblico con le eroine di Rossini, Bellini, Donizetti. Ma non chiamatela diva
di: Gregorio Moppi

Jean Sibelius: il signore di Ainola
Ombroso e aristocratico, disprezzato da Adorno, amato dai musicisti, Sibelius nutrì di natura, saghe e miti finlandesi la sua creatività visionaria, ancora attuale a 150 anni dalla nascita
di: Giovanni Gavazzeni

Salvatore Accardo: lezioni di vita
Il violino, la musica da camera, il rapporto con il disco. L’insegnamento e la fiducia nei giovani, l’Italia che vorrebbe. Ma anche l’amore, le sue bambine, la passione per il calcio. Un grande interprete si racconta
di: Nicoletta Sguben

Myung-Whun Chung: Made in Korea
Spiritualità orientale e gusto europeo per il direttore d'orchestra coreano. L’Italia, Verdi, Giulini e Messiaen, il riavvicinamento a Santa Cecilia e, soprattutto, l'impegno per la riconciliazione della sua terra spezzata in due
di: Valerio Cappelli

E, in più:
La rubrica dei lettori, quattro/quarti, appunti e calendari di concerti e spettacoli, opera, danza, jazz, libri, hi-tech, recensioni di cd e video

Altro in questa categoria: « Prev Next »
 
 
Sei in:Home»BLOG»Rivista Amadeus»La riscoperta di Giovanni Sgambati: con Amadeus in edicola a marzo 2015
 
 

Bollino VERDE

Venice Classic Radio garantisce che i contenuti dei programmi e del portale web siano adatti ad un pubblico di tutte le età.

Hanno DETTO...

La musica è l'arte di pensare con i suoni
Jules Combarieu

AMICI di Venice Classic R.

E' la cosa più bella che ci abbia dato internet. Ottima musica e alta qualità. Grazie
Alessandro N.

Donazioni

Un tuo contributo può essere prezioso per Venice Classic Radio! Se desideri effettuare una donazione, clicca qui! Grazie! heart