Venice Classic Radio sta trasmettendo: {Programma}
{NP/Info/Artista}
{NP/Info/Titolo}
{NP/Info/Interpreti}
Premi il pulsante per ascoltare Venice Classic Radio Premi il pulsante per conoscere le ultime 5 tracce trasmesse Premi il pulsante per vedere i programmi di Venice Classic Radio Premi il pulsante se hai bisogno di aiuto Go to the english version

La riscoperta di Giovanni Sgambati: con Amadeus in edicola a marzo 2015

“Una Sinfonia bella, godibile, complessa ma con un’orchestrazione leggera. In fondo, proprio come era lui: tedesco nell’animo, ma con una voglia di italianità. Scriveva melodie che sono quasi stornelli. Così il direttore d’orchestra e musicologo Francesco Attardi, siciliano e milanese d’adozione, parla della Seconda sinfonia di Giovanni Sgambati, il brano che ha ricostruito per le Edizioni Suvini Zerboni (2014) e ora propone nel CD Amadeus di questo mese, insieme al Concerto per pianoforte. Come spiega lo stesso Attardi in una interessante intervista pubblicata da Amadeus, la figura di Sgambati è rivoluzionaria perché nell’Italia del secondo Ottocento scrivere sinfonie significava trascendere il melodramma. E Sgambati, pur non essendo il solo a scrivere sinfonie nell’Italia di allora, ebbe come riferimento il romanticismo di Franz Liszt e non il teatro musicale. Tutto mentre Giuseppe Verdi affermava che l’arte nostra non è l’istromentale. E infatti Liszt lo considerò quasi come un figlio. In pochi anni gli insegna tutto: prima a comporre, poi a guidare un’orchestra. Ed è grazie alla spinta di Liszt che Sgambati dirige per la prima volta a Roma le Sinfonie di Beethoven nel 1867, quando ancora non si conoscevano. Inoltre Richard Wagner lo raccomanda a uno degli editori pià potenti dell’epoca, il tedesco Schott (puntualizzando che a Roma era sprecato). E la stima gli giunge anche da Edvard Grieg e Henrik Ibsen (i due norvegesi si conobbero proprio a casa sua), oltre che dal giovane Richard Strauss e da Gabriele D’Annunzio. Un vero cenacolo artistico, quello di casa Sgambati, che divenne una figura centrale nel panorama tardoromantico italiano. La musica di Sgambati è proposta in una registrazione dal vivo con l'Orchestra Verdi all'Auditorium di Milano ed è impreziosita da una delle pianiste più interessanti e vivaci del panorama contemporaneo come la croata Martina Filjak.

Alfonso Baschiera e Marco Nicolè sono i chitarristi protagonisti delle Opere per due chitarre di Ferdinando Carulli. Entrambi nati a Venezia e cresciuti musicalmente al conservatorio Benedetto Marcello, coltivano da sempre la passione per la chitarra che li ha guidati nello studio degli strumenti originali e nella valorizzazione di autori in parte inesplorati come lo stesso Carulli. Il CD è scaricabile in formato wav o mp3 dal sito di Amadeus mediante un codice pubblicato nella rivista.

In questo numero

CD in allegato:
Giovanni Sgambati (1841-1914)
Sinfonia in mi bemolle No.2
Concerto per pianoforte e orchestra Op.15
Interprete: Martina Filjak, pianoforte - Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi di Milano - Francesco Attardi, direttore

CD in download digitale:
Ferdinando Carulli (1770-1841)
Opere per due chitarre
Interpreti: Alfonso Boschiera, Marco Nicolè, chitarre

Articoli:
Giovanni Sgambati: una nuova Italia
Per riconsiderare e comprendere l’opera del pianista e compositore romano dagli occhi belli che incantò Liszt e Wagner è necessario un cambio di prospettiva. Uno sguardo più vasto sulla sua vita e il suo mondo
di: Antonio Rostagno

Attardi - Filjak: pezzi unici
Un direttore e musicologo italiano, una brillante pianista croata e l’avventura della riscoperta di un grande protagonista del nostro '800 strumentale
di: Luigi di Fronzo

La Verdi: fare sistema
Concerti, attività, pubblico, biglietti, soci, formazioni: grandi numeri quelli dell’orchestra lombarda, realtà milanese ma internazionale. Eppure i conti (pubblici) ancora non tornano
di: Edoardo Tomaselli

Baschiera-Nicolè: sei per due
Una coppia di chitarristi per Carulli. Dagli anni della formazione al loro incontro, genesi della prima incisione assoluta di tre Sonate che ricordano Haydn
di: Claudia Abbiati

Pierre Boulez: immaginazione radioattiva
Compositore, direttore, docente, organizzatore: il 25 marzo compie 90 anni uno degli uomini più influenti per la musica del nostro tempo. Un 'rivoluzionario' divenuto un'istituzione
di: Gianluigi Mattietti

Vive la banlieue
Alla periferia di Parigi si è inaugurato (tra le polemiche) il nuovo auditorium del Parc de la Villette. L'abbiamo visitato con una guida d'eccezione il suo direttore Laurent Bayle
di: Guy Cherqui

Jessica Pratt: vorrei toccarvi
Australiana ma italiana d’adozione, studi con Renata Scotto e Lella Cuberli, è il soprano belcantista del momento. Incanta e commuove il pubblico con le eroine di Rossini, Bellini, Donizetti. Ma non chiamatela diva
di: Gregorio Moppi

Jean Sibelius: il signore di Ainola
Ombroso e aristocratico, disprezzato da Adorno, amato dai musicisti, Sibelius nutrì di natura, saghe e miti finlandesi la sua creatività visionaria, ancora attuale a 150 anni dalla nascita
di: Giovanni Gavazzeni

Salvatore Accardo: lezioni di vita
Il violino, la musica da camera, il rapporto con il disco. L’insegnamento e la fiducia nei giovani, l’Italia che vorrebbe. Ma anche l’amore, le sue bambine, la passione per il calcio. Un grande interprete si racconta
di: Nicoletta Sguben

Myung-Whun Chung: Made in Korea
Spiritualità orientale e gusto europeo per il direttore d'orchestra coreano. L’Italia, Verdi, Giulini e Messiaen, il riavvicinamento a Santa Cecilia e, soprattutto, l'impegno per la riconciliazione della sua terra spezzata in due
di: Valerio Cappelli

E, in più:
La rubrica dei lettori, quattro/quarti, appunti e calendari di concerti e spettacoli, opera, danza, jazz, libri, hi-tech, recensioni di cd e video

 
 
Sei in:Home»BLOG»Rivista Amadeus»La riscoperta di Giovanni Sgambati: con Amadeus in edicola a marzo 2015
 
 

Bollino VERDE

Venice Classic Radio garantisce che i contenuti dei programmi e del portale web siano adatti ad un pubblico di tutte le età.

Hanno DETTO...

Ogni giorno dovremmo ascoltare una piccola melodia, leggere una bella poesia, vedere una pittura squisita e, se possibile, dire delle parole sensibili

Johann Wolfgang Von Goethe

AMICI di Venice Classic R.

Outstanding playlist, outstanding audio quality! What more could you ask for. Well done!!
Alan P.

Donazioni

Un tuo contributo può essere prezioso per Venice Classic Radio! Se desideri effettuare una donazione, clicca qui! Grazie! heart