Venice Classic Radio sta trasmettendo: {Programma}
{NP/Info/Artista}
{NP/Info/Titolo}
{NP/Info/Interpreti}
Premi il pulsante per ascoltare Venice Classic Radio Premi il pulsante per conoscere le ultime 5 tracce trasmesse Premi il pulsante per vedere i programmi di Venice Classic Radio Premi il pulsante se hai bisogno di aiuto Go to the english version

Su Amadeus in edicola a giugno 2015 il fascino della musica russa

Piotr Ilich Tchaikovsky era un viaggiatore compulsivo, ansioso, irrequieto, umorale, metereopatico. Raramente si abbandonava al piacere dei luoghi dove stava. All’estero era soggetto a periodiche, acutissime nostalgie per la sua terra, ma appena ci metteva piede scalpitava per ripartire. Desiderava vivere in lontani villaggi circondati da immense distese totalmente disabitate, ma poi, per comporre, aveva bisogno di distrazioni cittadine, teatri, strade animate, movimento. L’Italia era il paese dei suoi sogni, ma riusciva a detestare Roma, Venezia o Sanremo quando era divorato dall’inquietudine, roso dalla depressione, sfinito dall’ansia. L’umore nero si riflette sulle città: Venezia gli appare cupa come un cimitero: 'se fossi obbligato a trascorrervi una settimana, il quinto giorno m’impiccherei per la disperazione. Tutto è concentrato in piazza San Marco. Per il resto, dovunque tu vada, ti perdi in un labirinto di vicoli maleodoranti che non ti portano da nessuna parte'. A Roma compie un rapido giro, visitando Colosseo, Terme di Caracalla, Campidoglio, San Pietro (da lui considerato capolavoro del genio umano), ma, a parte i grandi monumenti, anche qui... 'con le sue viuzze strette non mi pare per nulla interessante e non capisco come possano alcuni nostri connazionali, dopo l’ampiezza dei panorami russi, vivere qui tutta la vita'. A Napoli fa freddo, il cielo è plumbeo e non esce addirittura dalla stanza quando piove. Firenze è la città che suscita in lui l'impressione migliore. Sarà mèta del suo ultimo soggiorno in Italia nel 1890, quando dedicherà alla città il sestetto Souvenir de Florence. Su Amadeus Fausto Malcovati descrive in maniera puntuale e brillante il rapporto altalenante di Tchaikovsky con il nostro bel paese. Nicoletta Sguben intervista invece i Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino, interpreti dei due capolavori di Tchaikovsky contenuti nel CD allegato alla rivista: la Serenata per archi Op.48 e lo stesso sestetto 'Souvenir de Florence'.

Il CD in download è invece dedicate a rare melodie russe interpretate dalla soprano Elena Bakanova e dal pianista Raffaele Mascolo. In programma musica di Michail Glinka, Alexander Skrjabin, Michail Ippolitov-Ivanov e Piotr Ilich Tchaikovsky.

In questo numero

CD in allegato:
Piotr Ilich Tchaikovski (1840 - 1893)
Serenata per archi Op.48
Sestetto 'Souvenir de Florence'
Interpreti: Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino

CD in download digitale:
AA.VV.
Rare Russians songs
Interpreti
Elena Bakanova, soprano - Raffaele Mascolo, pianoforte

Articoli:
Piotr Ilich Tchaikovsky: sognando l'Italia
Appunti di un viaggiatore nostalgico e inquieto: dalla Russia verso il paese del miraggio. Milano, Venezia, Firenze, Roma, Napoli, il racconto di una controversa passione, tra odi e amori
di: Fausto Malcovati

I Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino: profumo di Maggio
Un ensemble a formazione variabile: nato con entusiasmo nel 2007, propone in versione 'da camera' l'inconfondibile segno di una delle più grandi orchestre italiane
di: Nicoletta Sguben

Bakanova & Mascolo: luoghi immaginari
Un duo russo-italiano per voce e pianoforte che cerca di far scoprire nuovi repertori e altri universi musicali
di: Claudia Abbiati

Riccardo Muti: la mia crociata
Dopo un lungo silenzio, torna a parlare il grande direttore d'orchestra.
Di etica, cultura, mestiere, studio. Delle lezioni apprese da Votto e Toscanini. E di quelle che darà a Ravenna agli allievi della sua nuova 'Accademia d’opera italiana'
di: Gregorio Moppi

Storie & Storie: a memoria di me
A Urbino, una mostra ricostruisce lo Studiolo del duca Federico da Montefeltro così com'era: luogo incantato che evoca le glorie e gli ideali, anche musicali, del celebre condottiero
di: Massimo Rolando Zegna

Anne Teresa De Keersmaeker: danzo come cammino
Struttura, emozione e una predilezione per la musica contemporanea da Reich a Sciarrino per la coreografa belga, Leone d'oro della Biennale di Venezia
di: Valentina Bonelli

Inchiesta teatri e riforme: come si cambia
Viaggio in due puntate nelle 14 fondazioni lirico-sinfoniche, salpate ormai verso un mondo nuovo. Nomine, dati, finanziamenti, art bonus: contenti o scontenti, ecco l'opinione di tutti i sovrintendenti italiani
di: Valerio Cappelli

Arturo Benedetti Michelangeli: il divo ascelta
Vezzi, capricci. manie. Il terrore degli organizzatori per l'eccentricità e le cancellazioni. A 20 anni dalla scomparsa del pianista, un testimone ne rivela invece il profilo spirituale francescano, il rigore anticonsumista di artigiano della musica
di: Carlo Piccardi

E, in più:
La rubrica dei lettori, quattro/quarti, appunti e calendari di concerti e spettacoli, opera, danza, jazz, libri, hi-tech, recensioni di cd e video

Altro in questa categoria: « Prev Next »
 
 
Sei in:Home»BLOG»Rivista Amadeus»Su Amadeus in edicola a giugno 2015 il fascino della musica russa
 
 

Bollino VERDE

Venice Classic Radio garantisce che i contenuti dei programmi e del portale web siano adatti ad un pubblico di tutte le età.

Hanno DETTO...

Datemi una lista della lavanderia ed io ve la metterò in musica

Gioacchino Antonio Rossini

AMICI di Venice Classic R.

Con la vs musica in sottofondo lavoro e provo la gioia profonda di sentirmi a casa della mia amatissima città distante...
Giovanni C.

Donazioni

Un tuo contributo può essere prezioso per Venice Classic Radio! Se desideri effettuare una donazione, clicca qui! Grazie! heart